Salmo 9

Inno alla giustizia di Dio


[1] Al maestro del coro. Su «La morte del figlio». Salmo. Di Davide.

[2] Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,
annuncerò tutte le tue meraviglie.

[3] Gioirò ed esulterò in te,
canterò inni al tuo nome, o Altissimo,

[4] mentre i miei nemici tornano indietro,
davanti a te inciampano e scompaiono,

[5] perché hai sostenuto il mio diritto e la mia causa:
ti sei seduto in trono come giudice giusto.

[6] Hai minacciato le nazioni, hai sterminato il malvagio,
il loro nome hai cancellato in eterno, per sempre.

[7] Il nemico è battuto, ridotto a rovine per sempre.
È scomparso il ricordo delle città che hai distrutto.

[8] Ma il Signore siede in eterno,
stabilisce il suo trono per il giudizio:

[9] governerà il mondo con giustizia,
giudicherà i popoli con rettitudine.

[10] Il Signore sarà un rifugio per l'oppresso,
un rifugio nei momenti di angoscia.

[11] Confidino in te quanti conoscono il tuo nome,
perché tu non abbandoni chi ti cerca, Signore.

[12] Cantate inni al Signore, che abita in Sion,
narrate le sue imprese tra i popoli,

[13] perché egli chiede conto del sangue versato,
se ne ricorda, non dimentica il grido dei poveri.

[14] Abbi pietà di me, Signore,
vedi la mia miseria, opera dei miei nemici,
tu che mi fai risalire dalle porte della morte,

[15] perché io possa annunciare tutte le tue lodi;
alle porte della figlia di Sion
esulterò per la tua salvezza.

[16] Sono sprofondate le genti nella fossa che hanno scavato,
nella rete che hanno nascosto si è impigliato il loro piede.

[17] Il Signore si è fatto conoscere, ha reso giustizia;
il malvagio è caduto nella rete, opera delle sue mani.

[18] Tornino i malvagi negli inferi,
tutte le genti che dimenticano Dio.

[19] Perché il misero non sarà mai dimenticato,
la speranza dei poveri non sarà mai delusa.

[20] Sorgi, Signore, non prevalga l'uomo:
davanti a te siano giudicate le genti

[21] Riempile di spavento, Signore,
riconoscano le genti di essere mortali.