Salmo 91

La protezione divina


[1] Chi abita al riparo dell'Altissimo
passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente.

[2] Io dico al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza,
mio Dio in cui confido».

[3] Egli ti libererà dal laccio del cacciatore,
dalla peste che distrugge.

[4] Ti coprirà con le sue penne,
sotto le sue ali troverai rifugio;
la sua fedeltà ti sarà scudo e corazza.

[5] Non temerai il terrore della notte
né la freccia che vola di giorno,

[6] la peste che vaga nelle tenebre,
lo sterminio che devasta a mezzogiorno.

[7] Mille cadranno al tuo fianco
e diecimila alla tua destra,
ma nulla ti potrà colpire.

[8] Basterà che tu apra gli occhi
e vedrai la ricompensa dei malvagi!

[9] »Sì, mio rifugio sei tu, o Signore!».
Tu hai fatto dell'Altissimo la tua dimora:

[10] non ti potrà colpire la sventura,
nessun colpo cadrà sulla tua tenda.

[11] Egli per te darà ordine ai suoi angeli
di custodirti in tutte le tue vie.

[12] Sulle mani essi ti porteranno,
perché il tuo piede non inciampi nella pietra.

[13] Calpesterai leoni e vipere,
schiaccerai leoncelli e draghi.

[14] »Lo libererò, perché a me si è legato,
lo porrò al sicuro, perché ha conosciuto il mio nome.

[15] Mi invocherà e io gli darò risposta;
nell'angoscia io sarò con lui,
lo libererò e lo renderò glorioso.

[16] Lo sazierò di lunghi giorni
e gli farò vedere la mia salvezza».